Oggetti dimenticati: sport e tecnologia finiscono in cantina

dicembre 4, 2009 by · Leave a Comment
Filed under: Rassegna stampa, Ricerche 

Gli oggetti dimenticati svelano le abitudini degli italiani: sport e tecnologia sono i primi a finire in cantina

Un sondaggio di Subito.it sugli oggetti “dimenticati” svela che le cantine e le soffitte della Penisola
non custodiscono solo ricordi
ma raccontano le abitudini degli italiani e nascondono un piccolo tesoro.

Milano, 30 novembre 2009 – Con il passare del tempo nelle cantine degli italiani si accumulano un’infinità di oggetti che, per un motivo o per l’altro, cadono in disuso finendo molto spesso per essere dimenticati. Un sondaggio svolto da Subito.it (www.subito.it), il sito di annunci per comprare e vendere di tutto, su un campione di oltre 3.000 internauti, svela che uno dopo l’altro questi oggetti non solo rappresentano un archivio pieno di ricordi per i più sentimentali ma diventano anche specchio delle abitudini degli italiani. Inoltre, molti degli oggetti stipati nella maggior parte delle case hanno ancora un valore commerciale che, a livello nazionale, può essere stimato in circa 11 miliardi di Euro*. Un gruzzolo che può sicuramente diventare utile in tempi come questi in cui bisogna fare molta attenzione alle spese, soprattutto con il Natale alle porte.

Questi oggetti, oltre a svelarci il profilo degli italiani e ad avere un valore affettivo, hanno ancora un valore commerciale: secondo il sondaggio di Subito.it il valore medio di questo tesoro nascosto in cantina è di circa 500 Euro. In alcuni casi, per un intervistato su 10, il valore supera i 1.000 Euro, senza contare che c’è chi “dimentica” in cantina mobili antichi o quadri il cui valore supera i 2.500 Euro.

Quali sono quindi gli oggetti che riempiono le cantine degli italiani? Cellulari, videogiochi o PC portatili – sebbene ancora perfettamente funzionanti – primeggiano nella classifica degli oggetti mandati in pensione, a giustificazione forse del desiderio di dotarsi sempre di oggetti tecnologici di ultima generazione e alla moda.


Tuttavia gli intervistati non mettono in cantina solo la tecnologia ma anche i buoni propositi! Tra gli oggetti dimenticati troviamo infatti molti attrezzi sportivi: biciclette, cyclette, panche, racchette da tennis, segno che i “buoni propositi” di diventare grandi atleti vengono spesso rapidamente dimenticati una volta passato l’entusiasmo iniziale.
Entrando nel dettaglio dei risultati del sondaggio di Subito.it, tra gli oggetti che più spesso finiscono in cantina o in soffitta troviamo:
– Cellulari,
– Televisori,
– Cyclette,
– Giocattoli
– Mobili antichi

Ma cosa farebbero gli italiani con il ricavato della vendita di questi oggetti? Probabilmente si toglierebbero uno sfizio, ancora una volta tecnologico o all’insegna del relax. Non a caso i 5 oggetti più ambiti tra quelli che Subito.it ha proposto agli intervistati, a seconda del valore del tesoro nascosto nella cantina di ciascuno, sono:
1) Macchina fotografica digitale
2) Navigatore satellitare
3) Smartphone
4) Orologio da Polso
5) Weekend per due in una spa
La crescita che negli ultimi tempi hanno avuto le diverse categorie di annunci di Subito.it dimostra la maggiore fiducia che la popolazione italiana sta acquisendo nell’utilizzare Internet come mezzo per realizzare operazioni di compravendita. Se, rovistando in cantina, ci si accorge quindi del paio di rollerblade comprati con le più buone intenzioni qualche tempo fa (ma mai usati) o della bellissima cassettiera della nonna che però non si riesce ad abbinare all’arredamento, perché non regalare una nuova vita a questi oggetti? Basta scattare un paio di foto e inserire in modo gratuito su Subito.it un annuncio di vendita. Questo piccolo tesoro nascosto potrebbe permettere di realizzare un desiderio non pianificato o rendere più morbida e meno stressante la spesa per i regali di Natale.


Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network