Storage

gennaio 28, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: Aziende 

LSI e Seagate insieme nel mercato enterprise dello Storage a Stato Solido basato su PCI Express

Le nuove soluzioni su scheda proposte da LSI integreranno le tecnologie delle due aziende per raggiungere elevati livelli di prestazioni, affidabilità e semplicità d’uso

Milpitas, Calif., 28 gennaio 2010 – LSI Corporation (NYSE: LSI) ha annunciato di avere raggiunto un’intesa con Seagate Technology (NASDAQ: STX) finalizzata a collaborare nella realizzazione di soluzioni di storage a stato solido (SSS) basate su PCI Express® (PCIe®). Grazie a questo impegno congiunto, l’obiettivo di LSI è quello di offrire prodotti, a livello di scheda, che integrino le tecnologie SAS e PCIe di LSI™ e la tecnologia per i drive a stato solido (SSD) di Seagate. I nuovi prodotti sono progettati con l’intento di offrire agli OEM enterprise e ai partner di canale nuovi livelli di prestazioni, di affidabilità e di semplicità d’uso, vincendo le sfide imposte da questa architettura che fino a oggi hanno limitato l’adozione di SSS. I primi campioni dovrebbero essere messi a disposizione dei clienti OEM nel corso del secondo trimestre di quest’anno.

“LSI si trova nella posizione migliore per poter concretizzare uan grande strategia basata sullo storage a stato solido,” ha detto Jeff Richardson, Executive Vice President e General Manager del Semiconductor Solutions Group di LSI. “Siamo già profondamente coinvolti nella realizzazione di tecnologie di storage a stato solido, a partire dalla base di silicio fino ai sistemi di storage completi. L’ingresso nell’emergente segmento di mercato degli SSS basati su PCIe è una naturale evoluzione delle nostre competenze di base. Sfruttando lo stack software SAS attualmente più utilizzato, gli OEM e i produttori di sistemi troveranno di fronte a sé un percorso collaudato e a basso rischio verso questo mercato, mantenendo la continuità fra le diverse generazioni tecnologiche”.


“I professionisti IT chiedono server e soluzioni di storage che possano offrire i benefici in termini di prestazioni ed efficienza derivanti dalla tecnologia allo stato solido, evitando però impatti negativi sulle risorse di sistema o ulteriori complicazioni in ambienti di storage enterprise già di per sé complessi,” ha detto David Mosley, Executive Vice President responsabile di Sales, Marketing e Product Line Management di Seagate. “Questi nuovi prodotti LSI accelereranno il calcolo applicativo enterprise e aiuteranno a ridurre i tempi di latenza nell’I/O, utilizzando interfacce e protocolli standard per ridurre al minimo l’impatto sulle attuali infrastrutture enterprise degli utenti finali. Questa collaborazione consente a Seagate di ampliare la sua strategia legata alla tecnologia a stato solido enterprise, che è finalizzata a fornire le migliori soluzioni possibili per l’IT utilizzando sia dischi fissi tradizionali sia storage a stato solido.”

La società di ricerche di mercato IDC prevede che il fatturato SSD nel segmento enterprise raggiungerà entro il 2013 i due miliardi dollari(1). Le soluzioni basate su PCIe costituiranno una porzione significativa di questo segmento di mercato, grazie alla loro capacità di aumentare ulteriormente le prestazioni, l’affidabilità e la semplicità d’uso all’interno delle infrastrutture IT già esistenti.

“I drive allo stato solido rimangono al centro dell’attenzione come tecnologia e come area di crescita nell’ambito del mercato storage,” ha detto Jeff Janukowicz, Research Manager responsabile dell’area Hard Disk Drive Components e Solid-State Drives in IDC. “Le richieste che provengono dal mercato legate al prezzo per gigabyte, alle prestazioni, ai consumi energetici e

all’affidabilità ben si adattano ai benefici offerti dallo storage a stato solido: le soluzioni SSS basate su PCIe sono in grado di rispondere a queste esigenze all’interno dei data center, dove le prestazioni più elevate costituiscono un vantaggio notevole”.

LSI e Seagate vantano decenni di esperienza a livello enterprise nella progettazione, nella produzione e nel supporto di prodotti di storage per applicazioni critiche. L’impegno di due aziende leader che hanno comprovate capacità di engineering e dimensioni globali tali da garantire risorse adeguate per lo sviluppo di soluzioni SSS basate su PCIe aiuterà a porre le basi per la maturazione di questo mercato e ad aumentarne l’adozione a livello enterprise.

Chi è LSI
LSI Corporation (NYSE: LSI) è uno dei principali produttori di tecnologie innovative su silicio, sistemi e software alla base di prodotti che creano, memorizzano e trasportano informazioni digitali. L’azienda offre un ampio catalogo di possibilità e servizi che comprende IC standard e chip personalizzati, adattatori, sistemi e software impiegati dai più noti marchi mondiali per creare le soluzioni leader sul mercato Storage e Networking.

Chi è Seagate
Seagate è leader a livello mondiale nel settore dei dischi fissi e delle soluzioni di storage. Per saperne di più consultate il sito http://www.seagate.com.

Torna in Europa il BrainShare di Novell

gennaio 21, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: Eventi 

La azienda riunisce clienti, partner ed esperti del settore per discutere
sull’ Intelligent Workload Management (IWM)

Dopo una pausa durata cinque anni, Novell annuncia il ritorno della conferenza Novell BrainShare in Europa. Riconosciuta dal settore come una delle migliori conferenze sulla tecnologia, Novell BrainShare EMEA avrà luogo ad Amsterdam dal 18 al 21 maggio 2010. L’evento raduna clienti, partner, ed esperti del settore che vogliono conoscersi, imparare e massimizzare il valore delle proprie soluzioni Novell. Durante i giorni dell’evento si organizzeranno più di 70 sessioni tecniche, si presenteranno interessanti casi studio di clienti e si potrà assistere alle dimostrazioni dei nuovi prodotti

I dirigenti di Novell Ron Hovsepian, CEO, John Dragoon, chief marketing officer e Javier Colado, President EMEA parteciperanno alla conferenza presentando la strategia aziendale e discuteranno sulla nascente mercato dell’Intelligent Workload Management (IWM). I manager parleranno anche delle principali tendenze nell’attuale IT come il cloud computing, la virtualizzazione, l’identity and security management, l-evoluzione del mercato open source e di Linux. Infine, Novell spiegherà il ruolo determinante dei prodotti storici di – quali Novell Open Enterprise Server, GroupWise e ZENworks All-interno di questo scenario di mercato.

“Il ritorno di Novell BrainShare in Europa fa riflettere sull’impegno dell’azienda nell’aiutare clienti e partner ad ottenere il massimo dalle loro soluzioni Novell” dichiara Javier Colado, President EMEA di Novell. “Dal momento in cui abbiamo intrapreso la strategia dell’Intelligent Workload Management (IWM), riteniamo importante fornire ai clienti e ai partner un forum dove riunirsi per ascoltare, vedere e discutere l’applicazione di questa soluzione nelle loro aziende. Siamo felici del fatto che una delle conferenze IT più importanti del mondo stia ritornando ancora inEMEA.”

La registrazione a Novell BrainShare EMEA 2010 partirà da metà gennaio sul sito http://www.novell.com/brainshare/amsterdam. Oltre a suggerire la registrazione il più presto possibile perché i posti sono limitati, Novell offre uno sconto per le prenotazioni che arriveranno fino a metà aprile.


Novell
Novell, Inc. (Nasdaq: NOVL) fornisce la piattaforma Linux meglio ingegnerizzata e interoperabile ed un insieme di soluzioni software integrate per la gestione IT mirate ad aiutare i clienti nella riduzione dei costi, della complessità e del rischio. Grazie al proprio software ed all’ecosistema di partner, Novell integra ambienti IT misti, permettendo alle persone e alle tecnologie di lavorare all’unisono.

Per maggiori informazioni visita il sito web:

www.novell.it

Open text: nuova versione

gennaio 21, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: Applicazioni 

La nuova versione di Open Text Capture Center
migliora l’automazione dei processi di business
grazie a funzioni di Document Recognition

Le avanzate funzionalità di acquisizione dei dati e di classificazione dei documenti
insieme a Open Text ECM Suite offrono l’unica e completa soluzione disponibile sul mercato
per il Content Management Transazionale end-to-end

Milano – 14 Gennaio 2010 – Open Text Corporation (NASDAQ: OTEX, TSX: OTC), leader globale nell’enterprise content management (ECM), ha annunciato oggi la versione 4.0 di Open Text Capture Center, caratterizzata da funzionalità di nuova generazione per la classificazione dei documenti e l’acquisizione dei dati e da una più stretta integrazione con Open Text ECM Suite, fornendo ai clienti la prima soluzione end-to-end interamente integrata, per l’automazione delle transazioni di business.

“I documenti cartacei costituiscono ancora una parte considerevole dei dati di una organizzazione; disporre di un sistema di acquisizione automatizzato è dunque fondamentale per ottimizzare i processi di business e per ridurre i costi,” afferma Johannes Schacht, Product Manager Document Recognition Technologies, in Open Text. “Includendo Capture Center all’interno di ECM Suite, rendiamo disponibile la prima e unica offerta completa di content management transazionale (TCM) disponibile sul mercato. E questo a vantaggio dei nostri clienti che potranno beneficiare di implementazioni più veloci, maggiori funzionalità e un più elevato ritorno sull’investimento.”


Le tecnologie per la classificazione dei documenti e l’acquisizione e il riconoscimento dei dati sono utilizzate ovunque i documenti – ordini di acquisto, reclami alle assicurazioni, fatture dei fornitori, per citarne alcuni – devono essere instradati e le informazioni contenute nei documenti cartacei devono essere estratte. Con Capture Center 4.0, l’automazione inizia nel punto di entrata dei documenti in arrivo, ovvero nella mailroom. Questo significa che le informazione racchiuse nei documenti raggiungono quasi immediatamente i destinatari desiderati, rispetto a una classificazione e a una distribuzione dei documenti lenta a causa di un inserimento manuale delle informazioni – dunque soggetto a errori – all’interno dei sistemi.

Migliaia di clienti e partner OEM (original equipment manufacturer) si affidano alla tecnologia Capture Center di Open Text. Il prodotto si è rivelato estremamente affidabile e capace di supportare le attività su vasta scala. Grazie alle ultime innovazioni, ora è più semplice che mai estrarre i dati, come ad esempio i numeri dei clienti o le richieste di servizio dai documenti cartacei, e poi utilizzare tali informazioni per lanciare automaticamente un processo di business, ad esempio per pagare una fattura o per pianificare un incontro di servizio.

Le offerte presenti sul mercato spesso si basano su diversi vendor per offrire una soluzione completa, lasciando così al cliente o a costosi system integrator il compito di far funzionare il tutto. Open Text invece offre funzionalità per il content management transazionale completamente integrate, partendo dall’acquisizione iniziale dei documenti attraverso una efficace automazione dei processi di business e a funzioni di conservazione; funzionalità che fanno tutte parte di Open Text ECM Suite. Inoltre, Open Text vanta partnership consolidate e strette integrazioni con i fornitori di software di livello enterprise leader di mercato come SAP, Oracle e Microsoft, assicurando così che il processo di business possa estendersi a tutte le applicazioni necessarie a portare a termine la transazione.

Riconoscimento dei dati di prossima generazione, OCR
Capture Center 4 (precedentemente Captaris DOKuStar Capture Suite) comprende numerosi modelli per il riconoscimento che sono accessibili attraverso un client semplice da utilizzare. La soluzione fornisce tecnologia per la classificazione che completa l’approccio di classificazione basato su testo e utilizzato da Enterprise Library Services, parte di Open Text ECM Suite. La suite unisce l’ampia gamma di funzionalità di content management necessarie alle organizzazioni per gestire in modo sicuro tutti i tipi di documenti che contengono informazioni aziendali, documentazione fondamentale, contenuti Web, video, immagini, email, moduli e report all’interno di molti diversi sistemi e applicazioni aziendali.

Le avanzate funzionalità di acquisizione fornite da Capture Center comprendono il riconoscimento di stampati e scrittura manuale con motori di riconoscimento “voting” dei caratteri, il riconoscimento ottico dei caratteri (OCR), quello intelligente (ICR), il riconoscimento intelligente dei documenti (IDR), il riconoscimento dei caratteri a inchiostro magnetico (MICR) e di font speciali, classificazione basate su regole, riconoscimento adattivo, estrazione dei dati attraverso moduli liberi e altri. L’inserimento manuale guidato dei dati è supportato dalla tecnologia brevettata Single Click Entry. Fornendo un completo pacchetto di tecnologia con i propri componenti, Open Text è in grado di ottimizzare il processo di riconoscimento, arrivando a un livello di precisione molto alto.

Open Text Capture Center 4 è già disponibile. Per ulteriori informazioni: www.opentext.com/occ.

Open Text
Open Text™, produttore di software enterprise e leader nell’Enterprise Content Management, aiuta le organizzazioni a gestire e ad ottenere il valore reale dai loro documenti di business. Open Text vanta oltre vent’anni di esperienza nel supportare 50 milioni di utenti in 114 paesi. Lavorando con i nostri clienti e partner, offriamo la nostra competenza in qualità di Content ExpertTM per aiutare le organizzazioni a catturare e conservare la memoria aziendale, incrementare la brand equity, automatizzare i processi, ridurre i rischi, gestire la compliance e aumentare la competitività.
Per ulteriori informazioni su Open Text:

www.opentext.com

Truffe informatiche: I cybercriminali approfittano del disastro di Haiti

gennaio 21, 2010 by · Leave a Comment
Filed under: sicurezza informatica 

I criminali informatici approfittano del disastro di Haiti per sottrarre le donazioni benefiche, mentre continuano i risvolti pericolosi dell’attacco senza precedenti a Google

Il tragico terremoto sta portando molte persone a donare somme di denaro a sostengno di Haiti. Tuttavia, i criminali informatici approfittano tristemente della situazione per truffare i sostenitori e sottrarre denaro destinato alla beneficenza.
Per avere dettagli sulle truffe emergenti legate al terremoto di Haiti e per ricevere consigli su come evitare le truffe legate alla beneficenza, ti invitiamo a consultare il McAfee Avert Labs Blog: www.avertlabs.com/research/blog

Inoltre, l’attacco ad alto profilo che ha interessato Google e un numero crescente di altre compagnie continua a generare caos, man mano che maggiori informazioni diventano disponibili. In questo momento gli utenti Windows sono esposti a un reale pericolo a causa della rivelazione a livello pubblico di una grave vulnerabilità di Internet Explorer che è stata coinvolta nell’attacco di Google e di altri. Purtroppo, il rischio è stato aggravato perché il codice di attacco che sfrutta questa vulnerabilità di Internet Explorer è stato ora reso noto all’interno del dominio pubblico. Per far fronte all’attacco informatico, nominato “Operazione Aurora” da McAfee, è disponibile una guida dettagliata per aiutare le organizzazioni a determinare se hanno subito conseguenze dall’attacco. Inoltre, McAfee mette a disposizione consigli su come gestire la falla zero-day di Internet Explorer tuttora priva di patch. McAfee mette anche a disposizione trial gratuite della sua tecnologia di protezione avanzata per aiutare le aziende a proteggersi dalle minacce legate all’attacco.

Se può essere utile, di seguito trovi il commento di George Kurtz, Chief Technology Officer di McAfee: “è un momento di svolta nella cybersecurity data la natura mirata e coordinata dell’attacco. Al di là del settore della difesa, non abbiamo mai assistito ad attacchi con questo livello di sofisticazione rivolti ad aziende commerciali.”

Nel blog dei McAfee Labs troverete alcuni post interessanti a riguardo. Inoltre, una sezione dedicata all’Operazione Aurora è disponibile a questo indirizzo: www.mcafee.com/us/threat_center/operation_aurora.html


Pagina successiva »

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network