Il report Mcafee sulle minacce per il secondo trimestre 2009 rivela livelli record per spam e botnet

luglio 29, 2009 by · Leave a Comment
Filed under: Antivirus, Virus 

 

Il report Mcafee sulle minacce per il secondo trimestre 2009 rivela livelli record per spam e botnet

 

I risultati mostrano che il malware AutoRun rappresenta una minaccia decisamente più temibile di Conficker

Black Hat Conference, Las Vegas, 29 luglio, 2009 – I volumi di spam sono cresciuti del 141% dal mese di marzo, prolungando la più lunga ondata di sempre in termini di crescita di spam, secondo il report sulle minacce per il secondo trimestre 2009 di McAfee, Inc. (NYSE: MFE) pubblicato oggi. L’indagine evidenzia inoltre l’allarmante espansione di botnet e di minacce di malware AutoRun, ovvero ad esecuzione automatica.
Oltre 14 milioni di computer sono stati colpiti da botnet di criminali informatici, superando di un ulteriore 16% la crescita del trimestre precedente. Il report ha confermato le previsioni di McAfee del primo trimestre secondo cui l’ ondata di botnet avrebbe ridefinito i livelli massimi di spam, superando il precedente picco di ottobre 2008, prima della chiusura di McColo, l’ISP che distribuiva spam.
I ricercatori McAfee hanno inoltre rilevato che, nell’arco di 30 giorni, il malware AutoRun ha infettato oltre 27 milioni di file. Questo tipo di malware, che sfrutta le funzionalità Auto-Run di Windows, non richiede alcuna azione da parte dell’utente per attivarsi, e spesso viene diffuso tramite dispositivi USB portatili. Il tasso di rilevamento supera del 400% persino il devastante worm Conficker, rendendo AutoRun il tipo di malware numero uno rilevato nel mondo.
L’aumento di attività a livello di bot e spam a cui si è assistito nel corso degli ultimi tre anni è allarmante, e la minaccia del malware ad esecuzione automatica continua a crescere,” ha affermato Mike Gallagher, Senior Vice President and Chief Technology Officer dei McAfee Avert Labs. “L’espansione di queste infezioni ci ricorda il preoccupante danno potenziale che può essere causato da computer non protetti nelle nostre case e sul posto di lavoro.”

La crescita di Botnet genera nuovi attacchi cibernetici e l’aumento di spam
Altri quattordici milioni di computer sono stati trasformati in botnet questo trimestre, arrivando a una media di oltre 150.000 computer infettati quotidianamente, o al 20% dei personal computer acquistati ogni giorno (Fonte: Gartner 2009).


La Corea del Sud è stata interessata dal più ampio aumento di attività di bot, con un aumento del 45% di nuovi computer infettati nel corso dell’ultimo trimestre. Tali botnet sono state utilizzate per eseguire attacchi DDoS contro la Casa Bianca, il New York Stock Exchange e il sito web del governo sud coreano a inizio luglio.
Se la crescita in Sud Corea è significativa, rappresenta meno del 4% di tutti i nuovi bot nel mondo. Gli Stati Uniti rappresentano il 15% di nuovi computer zombie.
L’espansione di botnet rappresenta inoltre il motore principale della crescita di volume di spam, che è ora al 92% di tutte le e-mail. I volumi di spam hanno ora superato del 20% i record più elevati, crescendo a una velocità costante di circa il 33% ogni mese. In altri termini, i volumi di spam crescono di oltre 117 miliardi di email ogni giorno.

Crimine informatico “as a service”
Mentre il numero di botnet continua a crescere, gli scrittori di malware hanno iniziato a offrire software malevoloas a service” a coloro che controllano le botnet. Attraverso lo scambio o la vendita di risorse, i criminali informatici distribuiscono istantaneamente nuovo malware a un pubblico più vasto. Programmi come Zeus – strumento di semplice utilizzo per la creazione di Trojan – continuano a rendere sempre più facile la creazione e la gestione di malware.

I cybercriminali puntano a Twitter e ai Social Network
Negli ultimi tre mesi, l’aumento di popolarità ha reso Twitter un nuovo obiettivo per i cybercriminali. Malware come il worm Mikeey e nuove varianti del Trojan Koobface attaccano gli utenti attraverso messaggi tweet e URL abbreviati. Gli account di spam su Twitter stanno diventando sempre più diffusi. Gli account amministrativi di Twitter sono stati inoltre colpiti in diverse occasioni, offrendo ai criminali informatici accesso ad account privati di celebrità e politici, come Britney Spears e Barack Obama, permettendo persino la pubblicazione sul Web di documenti finanziari e informazioni strategiche sensibili.
Facebook e MySpace rimangono forti vettori di attacco per i cybercriminali. A maggio, i messaggi sui social network hanno diretto gli utenti a 4300 nuovi file Koobface.

Il report McAfee sulle minacce per il secondo trimestre 2009 è disponibile qui: (http://www.mcafee.com/us/local_content/reports/6623rpt_avert_threat_0709_it.pdf )

A proposito di McAfee, Inc.
Con sede principale a Santa Clara, California, McAfee Inc., è la principale azienda focalizzata sulle tecnologie di sicurezza. McAfee è costantemente impegnata nella lotta contro le più pericolose minacce alla sicurezza. L’azienda offre prodotti e servizi di sicurezza riconosciuti e proattivi che proteggono sistemi e reti in tutto il mondo, consentendo agli utenti di navigare ed effettuare acquisti sul web in modo sicuro. Grazie a un riconosciuto team di ricerca, McAfee crea soluzioni innovative che proteggono gli utenti consumer, aziende, pubblica amministrazione e service provider consentendo loro di essere conformi alle normative, proteggere i dati, evitare interruzioni delle attività, identificare le vulnerabilità e monitorare e migliorare costantemente la loro sicurezza.
Ulteriori informazioni sono disponibili su Internet all’indirizzo: www.mcafee.com .

 

Se ti è piaciuto questo articolo potresti essere interessato a questo blog dedicato alla Rivoluzione Tecnologica.


Convegno sul Mobile Content e Internet: niente è più come prima!

giugno 9, 2009 by · Leave a Comment
Filed under: mobile 

Aula Carlo de Carli del Politecnico di Milano, Campus Bovisa, Via Durando 10, Milano

Osservatorio: Mobile Content & Internet

Convegno di presentazione dei risultati della nuova Ricerca condotta nell’ambito dell’Osservatorio permanente sui Mobile Content & Internet promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con l’ICT Institute, il Dipatimento INDACO del Politecnico di Milano e il Mobile Entertainment Forum (MEF).

Occasione del Convegno è la presentazione dei risultati della nuova edizione della Ricerca dell’Osservatorio, che si è posta i seguenti obiettivi:
– valutare quantitativamente le dinamiche del mercato dei Mobile Content, ponendo particolare attenzione alla componente – sempre più rilevante – del Mobile Internet;
– analizzare in dettaglio – attraverso un’indagine campionaria su 3.200 individui – l’approccio dei consumatori italiani ai Mobile Content e, in particolare, al Mobile Internet;
– comprendere le strategie dei diversi attori operanti nella filiera (Telco, Media company, Web company, Mobile content & service provider, Content provider, Produttori di terminali, Technology & Solution provider e Software provider);
– tratteggiare i principali scenari evolutivi del mercato.

La presentazione dei risultati sarà seguita da alcune autorevoli Tavole Rotonde a cui parteciperanno i principali Player della filiera.

Nel pomeriggio verrà organizzato, inoltre, un workshop interattivo dedicato ai Social Network durante il quale, accanto alla presentazione dei primi risultati dell’Osservatorio attivato sul tema, si darà spazio al contributo di aziende (Editori, Mobile e Web company, Media agency, Agenzie di comunicazione, ecc.) e professionisti (blogger, giornalisti, sviluppatori, ecc.) interessati.

Il Convegno si terrà venerdì 19 Giugno 2009, dalle ore 9.30 alle ore 18.00, presso l’Aula Carlo de Carli del Politecnico di Milano, Campus Bovisa, Via Durando 10, Milano.


Dal sito personale al mesh up dell’identità

marzo 3, 2009 by · Leave a Comment
Filed under: Applicazioni 


La nostra identità online è composta di frammenti sparsi tra gli account di posta elettronica, social network e le più disparate applicazioni Web 2.0. Vediamo come realizzare un “punto di aggregazione” centralizzato


Facebook compie 5 anni

febbraio 5, 2009 by · Leave a Comment
Filed under: Rassegna stampa 


Facebook compie 5 anni
Mr.Webmaster 
Facebook, il network sociale creato da Mark Zuckerberg, compie cinque anni di vita e di successi; nella sua per ora breve storia miliardaria Facebook ha raccolto milioni di utenti iscritti e superato in termini di visite giornaliere il suo concorrente
Cinque candeline per Facebook VNUnet.it
Facebook: un fenomeno da cinque anni Computer World Italia
KataWeb News – Il Sole 24 Ore – Adnkronos/IGN – Data manager online
e altri 24 articoli simili »


Pagina successiva »

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network