GPS & Investigazioni : Tutto ciò che c’è da sapere

A volte la gelosia non ha limiti. Per monitorare il tuo partner, sei disposto a prendere qualsiasi misura, anche infrangere la legge quando necessario. Pochissime persone assumono Investigatore Privato a Roma per scoprire i segreti interiori dei loro coniugi, soprattutto quando qualcuno sospetta un tradimento. A volte, il partner geloso è solo e inizia a seguire, rintracciare e intercettare da solo. Il vero errore viene spesso utilizzato e installato nel telefono cellulare o nell’auto della persona interessata. Queste azioni sono legali? Ti sei mai chiesto se è un crimine installare il GPS sull’auto del tuo coniuge?

Tutti sanno che il GPS può geolocalizzare l’apparecchiatura su cui è installato. Oggi è una tecnologia molto ampia, anche integrata negli smartphone, che consente di determinare la posizione geografica del dispositivo. La tecnologia alla base del GPS funziona più o meno in questo modo: il dispositivo invia un segnale a un satellite, che può facilitare l’identificazione geografica della posizione del dispositivo. Insomma, è un meccanismo che permette ai navigatori satellitari di operare. È legale installare il GPS nell’auto del coniuge? Se sei interessato, continua a leggere: bastano cinque minuti per trovare la risposta di cui hai bisogno.

È legale pedinare una persona?

Per scoprire se è un crimine installare il GPS sull’auto del tuo coniuge, devi rispondere a una domanda basata sulla domanda che vogliamo analizzare: è legale rintracciare una persona anche attraverso un’Agenzia Investigativa a Roma?

Utilizzare un sistema GPS per seguire l’auto del coniuge in realtà significa seguirlo, sebbene la posizione dell’oggetto target possa essere immediatamente identificata con l’aiuto di moderni strumenti tecnologici.

Inseguire una persona non è un crimine. A meno che non si intrufolano e / o molestano gli altri, non saranno ritenuti responsabili in conformità con la legge.

Per essere precisi, il monitoraggio continuo o intrusivo può portare a due reati:

Molestie, punibili con l’arresto per meno di sei mesi o con una multa fino a 516 euro se molestano o molestano altri in luoghi pubblici o luoghi aperti al pubblico con brutalità o altri motivi che dovrebbero essere imputati ad altri (si consideri lo stalking forzato);

Il comportamento di stalking può far sì che la vittima continui a soffrire di ansia o paura della sicurezza propria o degli altri, oppure costringerla a cambiare il proprio stile di vita (ad esempio, smettere di partecipare a determinati luoghi che evitano gli stalker).

Ad esempio, secondo un precedente legale, il fatto che dopo molte telefonate insistenti, accompagnate da altre persone, lo stalking e l’attesa notturna dei parenti del debitore accusato in casa costituisce molestia e le sue caratteristiche sono: soggettive La motivazione è intesa come un desiderio specifico fastidioso, idoneo a integrare il reato di molestia.

Installare un gps nell’auto del coniuge è reato?

Dal paragrafo precedente, anche la risposta alla domanda se sia legale installare il GPS nell’auto del coniuge è ovvia, e lui non lo sa.

In linea di principio, è legale seguire una persona attraverso un bug, che invia un segnale per tornare alla posizione di un veicolo in movimento.

In effetti, è ancora un’ombra quando si utilizzano strumenti tecnici, quindi è legale entro le restrizioni di cui sopra.

Anche secondo la giurisprudenza, l’uso del GPS per tracciare le attività delle persone è simile al tracciamento e non costituisce una specifica violazione legale.

Naturalmente, se le attività di controllo iniziano a diventare eccessivamente invadenti e moleste, c’è ancora il rischio di stalking o molestie.

Microspia nell’auto del coniuge: è reato?

Coloro che vogliono ascoltare la conversazione che avviene nell’auto del coniuge hanno ipotesi completamente diverse. In questo caso è necessario installare non solo GPS utili per rilevare la posizione geografica, ma installare veri e propri “bug” o bug utili per continuare la conversazione in corso.

L’installazione di insetti sull’auto del coniuge costituisce un crimine illegale contro la vita privata ed è punibile con la reclusione da sei mesi a quattro anni su denuncia.

Infatti, le intercettazioni sono legali solo quando la magistratura ha ordinato un reato specifico e la polizia utilizza i mezzi disponibili per intercettare.

Pertanto, gli investigatori improvvisati sono molto rischiosi, soprattutto se si intende intercettare le conversazioni di altre persone (ambiente o telefonate). In questo caso, il crimine è effettivamente sicuro.

Skebby presenta la versione 3.12 : sms gratis illimitati Skebby su Skebby

Photobucket

Skebby annuncia oggi il rilascio della versione 3.12 e contestualmente l’aggiornamento del sito www.skebby.it  che semplifica la comunicazione ed i processi di installazione ed acquisto sms. Skebby 3.12 da oggi in Java, prestissimo sarà disponibile anche in Symbian 2nd con performance ancora migliori e meglio ottimizzata.

Fra tutte le moltissime novità incorporate nella nuova versione di Skebby la più importante è senza dubbio il servizio innovativo freeSMS skebby in, per scambiare messaggi gratuiti e senza limiti over-the-air tra utenti Skebby. Alla ricezione di un sms con questa modalità si verrà avvisati con uno squillo (Java) o con un suono di alert/popup (Symbian); successivamente, basterà aprire il programma e scaricare il messaggio. Il tutto spendendo mediamente 1 centesimo per ogni messaggio inviato/ricevuto se si usa la rete e gratis se si ha sim Tre o una tariffa dati flat o si usa Wi-Fi. Non solo con Skebby si potrà associare più numeri di telefonino al proprio account e personalizzare così il numero di mittente ad ogni sms se lo si desidera.

Davvero una grande soddisfazione per la giovane azienda che prima in Italia ha lanciato il programma per l’invio di sms gratis via Internet dal cellulare. Definito dai mass media “lo Skype degli SMS“, con la nuova versione Skebby si avvicina sempre più a questa definizione.

Skebby è oggi uno dei programmi più utilizzati in assoluto in Italia per inviare sms risparmiando sui costi imposti dagli operatori. Il funzionamento fino ad oggi si è basato sul servizio freeSMS siti, disponibile anche sulla nuova versione, che sfrutta la connessione dati del cellulare per collegarsi alla rete ed inviare sms tramite i servizi gratuiti presenti sui siti degli operatori mobili/ Internet.

Tramite il nuovo programma Skebby offrirà la possibilità di fare tutto ciò che è necessario per usare Skebby (es. scaricare, installare, configurare il programma, iscriversi e acquistare credito) direttamente dal telefonino senza dover più passare dal sito web.

Con questa nuova versione Skebby punta a facilitare ed incentivare la diffusione del programma attraverso il passaparola tra i suoi giovani utenti, infatti se uno ha Skebby e lo propone ai suoi amici potrà scambiare subito con loro sms gratis illimitati. Con l’opzione “Invita un amico” si potrà passare Skebby agli amici direttamente dal cellulare via sms/bluetooth, inoltre con l’opzione “Trasferisci credito” Skebby consente il trasferimento del credito tra i propri utenti. In altre parole uno acquista una ricarica Friends&Family con un ulteriore 20% di sconto e poi la trasferisce agli amici/parenti massimizzando il risparmio di tutti o guadagnandoci.

Dopo un anno di rodaggio Skebby alza il tiro e punta a diventare l’applicazione di default sia per l’invio che per la ricezione degli SMS, anche di quelli inviati dalla SIM. Con il nuovo servizio freeSMS sim sarà possibile, infatti, inviare gli sms gratis eventualmente disponibili sulla sim senza più sbagliare. Con l’opzione “Analizza rubrica” l’utente potrà conoscere l’operatore di tutti i contatti in rubrica prima dell’invio e, se lo desidera, anche farsi una copia dei contatti del telefonino online come back up. Anche chi non inviasse molti SMS può sfruttare questo servizio innovativo perchiamata.

“Con la versione 3.12 di Skebby ed il sito completamente rinnovato portiamo sul mercato– dice Davide Marrone il suo giovanissimo ideatore – un programma per cellulari altamente innovativo ma alla portata di tutti. Ora vogliamo portare Skebby fuori dal web, sulla strada, nelle scuole. Solo in Italia ci sono milioni di ragazzi che hanno un telefonino con cui ormai fanno tutto, ma che non frequentano molto il web (magari a casa non hanno ancora la banda larga). Ecco, la scommessa è far sì che anche un ragazzo che non è mai andato su Internet possa usare Skebby”.

Mobile Solution Srl, proprietaria del marchio Skebby™ (www.skebby.it ), è un giovane azienda che opera nell’innovativo settore dei servizi Internet da mobile. Prima in Italia ha lanciato il programma per l’invio di SMS gratis via Internet dal telefonino. Mobile Solution può contare su 350.000 utenti unici al mese, oltre 65.000 utenti registrati e circa 23.000 che usano il programma dal cellulare e che hanno inviato ad oggi oltre 12.000.000 di sms gratis con Skebby. La società invece si sostiene attraverso la rivendita di sms economici qualora quelli gratuiti non fossero disponibili/sufficienti. Recentemente Mobile Solution ha rafforzato la sua struttura con l’ingresso di Luigi Orsi Carbone, già fondatore di ePlanet (oggi Retelit) e Stefano Quintarelli, già fondatore di I.NET rispettivamente Presidente e consigliere di amministrazione che affiancano Davide Marrone (26 anni), fondatore di Skebby e Vice Presidente. La società ha i propri uffici a Milano presso l’Acceleratore di Impresa del Politecnico.


ZRTP, il software anti intercettazioni che rivoluziona le telecomunicazioni mobili

E’ arrivato ZRTP, il software che negli anni a venire modificherà profondamente la confidenza degli utenti per le conversazioni al telefono cellulare.

Dopo anni di lavoro del team di Philip Zimmermann (inventore di PGP®, il programma per la cifratura email più diffuso nel mondo) e dei partner internazionali che hanno integrato il protocollo, è finalmente disponibile il software ZRTP per telefoni cellulari nella versione VoIP. ZRTP cripta le chiamate voce e video rendendo le telecomunicazioni cellulari non più intercettabili.

Erano già disponibili sul mercato software per cifrare le conversazioni, ma con caratteristiche che ne hanno limitato fortemente la diffusione. Costi elevati, necessità di impiego della linea dati GSM da richiedere espressamente al proprio operatore. Qualità delle chiamate scarsa, eco, ritardi nella trasmissione della voce. Ancora, impossibilità di effettuare chiamate internazionali e problemi di copertura di rete.

Con ZRTP il panorama cambia radicalmente. Tutti i problemi dei vecchi software vengono di colpo eliminati. Con una qualità delle chiamate ed una facilità d’uso eccezionale, è utilizzabile con tutti gli operatori di rete (grazie al fatto che viene impiegata la linea dati GPRS/EDGE/UMTS/HSDPA, che già copre di tutto il territorio nazionale).
Costi contenuti, chiamate criptate illimitate (con la sottoscrizione di un piano dati da 20 GB), possibilità di effettuare chiamate criptate anche con utenti esteri. Ancora, codice sorgente disponibile pubblicamente per analisi indipendenti sulla sicurezza ed algoritmi di cifratura standard impiegati dal governo degli Stati Uniti. Infine, la possibilità di effettuare chiamate fortemente anonime grazie a gateway delocalizzati.

Per informazioni:
www.cellularecriptato.com
Tel 00441614084963


Cellulari, le vendite vanno indietro e il ribaltone promuove nuovi marchi

«Per adesso, le stime parlano di un decremento delle vendite di telefonini nel mondo dell’1,1% a fine anno, e sarà la prima volta dal 2001». Carolina Milanesi, direttore di ricerca per il settore Mobile di Gartner, sottolinea con il tono il «per adesso». Il 2008 si è chiuso ancora con l’ennesima crescita, del 7,8% in termini di volumi, disegnando l’ennesima tappa di una discesa inesorabile: nel 2006 si erano venduti nel mondo il 20% di cellulari in più dell’anno prima; nel 2007 il 16% in più del 2006.
Come si vede, in questa frenata del comparto dell’elettronica di consumo più ricco e dinamico del mondo non dipende tutto dalla recessione, visto che la tendenza al calo è in atto da tempo. Ma questa ha sicuramente ha accelerato le cose. E aggiunto parecchio del suo. Quando questa crisi sarà finita le cose non saranno più come prima: questo non è un semplice rallentamento, finito il quale la giostra ripartirà. E’ invece l’inizio di una mutazione genetica di questo mercato. Che sarà sempre più dominato dal software che non dall’hardware, come ora. In cui i servizi non saranno più solo appannaggio degli operatori mobili ma diverranno terreno di caccia dei «manifatturieri», sul modello della iTunes di Apple. Un mercato infine in cui ci sarà un forte ricambio di protagonisti. Dalla Top 5 di Gartner a fine anno sarà probabilmente sparita Motorola, già oggi aggrappata a malapena al quinto posto, e verrà sostituita da uno tra Rim, Apple o magari addirittura dalla cinese Zte.

 

Continua a leggere l’articolo  di STEFANO CARLI su Affari e Finanza di Repubblica