Computo metrico

giugno 20, 2016 by · Leave a Comment
Filed under: Software 

Come poter redigere un computo metrico senza sbagliare? La difficoltà nell’individuazione di tutti i costi finali dei lavori di costruzione di un opera in campo edile può spaventare e portare a commettere errori anche nella realizzazione di questo documento che è uno dei più cruciali e determinanti in ambito costruttivo.

Il computo metrico è, infatti, la presentazione di stime, preventivi e consuntivazione di tutti i costi e prezzi che il costruttore sostiene per portare a termine i lavori. Tuttavia elaborare questo computo non è una cosa semplice da realizzare. Pertanto può essere utile dotarsi di un software realizzato appositamente per effettuare la redazione del computo metrico, come quello proposto da Equocompenso.

L’importanza di questo documento sta nel fatto che esso va realizzato e utilizzato ogni volta che viene proposta un’offerta per la costruzione di un’opera in campo edilizio. Cosa presenta all’interno il computo metrico? Principalmente devono essere presentati i costi di produzione che l’azienda deve sostenere maggiorati, ovviamente, dall’utile che si vuole ottenere. L’insieme di costi e ricavi andrà a comporre l’offerta che si presenterà al cliente finale.

I costi d’opera saranno facilmente ricavati in fase di creazione del computo metrico anche grazie all’utilizzo del software più idoneo a ultimare la preventivazione. Questa stima dei costi viene elaborata prima dell’inizio dei lavori e una volta ultimata l’opera quando tutte le spese vengono contabilizzate. È in questa fase che si potrà controllare se il computo metrico preventivo è stato confermato da quello consuntivo.

Queste sono, infatti, le due principali forme di computo metricopreventivo che riepiloga l’idea di spesa dei materiali e altre componenti del processo di lavorazione, e consuntivo dove vengono contabilizzate e rendicontate tutte le spese sostenute. Il primo documento va, ovviamente, redatto prima dell’inizio dei lavori e il secondo al termine.

Molto semplice sarà dunque la pianificazione delle attività che dovranno essere svolte per ultimare la costruzione: soprattutto dal punto di vista economico non ci potranno essere intoppi che rallenteranno la progettazione e poi l’attuazione del lavoro edilizio.

Perché è molto importante ottenere un computo metrico il più preciso possibile? Sicuramente per la garanzia di rispettare i tempi di consegna imposti dal committente oltre che non perdere nessuna scadenza di tutte le fasi che compongono il processo di lavorazione dell’opera in corso .

Quali sono le voci di spesa contenute all’interno di questo documento? Alcuni esempi: spese per la movimentazione del terreno e tutti i costi per costruire le opere principali (struttura, muri, ecc…) e quelle accessorie (rifiniture, impianti tecnologici, ecc…) che compongono la costruzione da ultimare.

Una volta ultimata la fase di progettazione dell’opera sarà dunque necessario dotarsi di un software in grado di portare a termine l’elaborazione del computo metrico per poter procedere con la preventivazione e la composizione dell’offerta per l’assegnazione dell’appalto di lavoro. 

 

Lettori magnetici motorizzati: i lettori ottimizzati ad auto inserimento

giugno 8, 2016 by · Leave a Comment
Filed under: Accessori 

La lettura di carte magnetiche a strisciamento si è rivelata con il tempo una soluzione adatta solo in alcuni casi. Non è infatti inusuale che, per problemi legati alla taratura del lettore o molto più semplicemente per problemi legati alla mancata fluidità del movimento dell’utente, siano necessarie diverse strisciate prima di ottenere una lettura valida.

Per rispondere a queste esigenze, sia dal lato costruttore che dal lato utente, sono nati diversi anni fa lettori motorizzati, che dopo l’inserimento della carta, effettuano la lettura internamente, calibrando in questo modo la velocità di lettura e rendendo più facile l’utilizzo da parte degli utenti.

lettori magnetici motorizzati vengono tipicamente inseriti all’interno di apparecchiature, come possono essere colonne di gestione autopompe, vetrine automatiche, dispositivi di erogazione. Sono gli stessi che vengono utilizzati nei bancomat, ad esempio, e che offrono la sicurezza aggiuntiva della possibilità di blocco della carta in caso di inserimento di codice PIN errato per un certo numero di volte consecutive.

La funzione di auto inserimento è stata via via ottimizzata con il passare degli anni e, ad oggi, le parti meccaniche sono efficienti, poco ingombranti, hanno grande resistenza all’usura e non richiedono una particolare manutenzione.

I lettori motorizzati hanno un ingombro ridotto anche in profondità, che li rende adatti a diversi tipi di applicazione, anche se ovviamente sono pensati per essere inseriti in una struttura esterna portante e non, come ad esempio i lettori di badge a strisciata, semplicemente posizionati in una parete.

La lettura automatizzata è utile non solo per la possibilità di bloccare una carta protetta da codice PIN, ma anche per offrire a tutti gli utenti, compresi coloro che hanno difficoltà ed effettuare una strisciata continua, la possibilità di utilizzare con comodo ed in tutta tranquillità, le diffusissime carte magnetiche.

Sono insomma uno dei casi in cui è la tecnologia ad andare incontro alle esigenze sia del cliente, che del costruttore, che del soggetto che eroga e gestisce le carte magnetiche.

Intraprendere Blog Network

Magazine Blog Network, è ad oggi il più grande network italiano di blog professionali. Per proporci delle partnership, cambi, collaborazioni, avere informazioni pubblicitarie, inviarci un comunicato stampa contattateci. Il network è gestito da Ariapertalab, casa editrice e laboratorio di idee guidato da Giuseppe Piro.


il nostro network